TUTTI I LIBRI EDITATI DALL’ASI DISPONIBILI ALLA BIBLIOTECA DEL MAUTO!

There are no translations available.

Grazie ad una importante donazione dell’Asi – Automotoclub Storico Italiano – tutti i libri pubblicati dall’Asi Service (ente di servizio dell’Asi creato per diffondere la cultura motoristica dando alle stampe pubblicazioni di argomento storico e tecnico) sono ora consultabili presso la Biblioteca del MAUTO. Dalla collana dedicata agli stilisti e designers (con volumi che ricostruiscono gli affascinanti percorsi professionali di Vignale, Michelotti, Zagato, Spada, Falchetto, Scaglione, Frua, Sartorelli, Brovarone) a libri che offrono testimonianze inedite e preziose su corse note e meno note (Gran Premio di Bari, Coppa dell’Etna, Coppa della Perugina), su personaggi importanti ma poco conosciuti, su piloti indimenticabili (Campari, Caracciola, De Filippis), su fabbriche italiane di auto e di moto (Bianchi, Innocenti, Indian, Fata, Marino) e anche divertenti manuali di tecnica motociclistica, illustratissimi trattati di aerodinamica (es. Quando le disegnava il vento), memorie divertenti  e toccanti.

La Biblioteca del MAUTO è aperta al pubblico dal martedì al venerdì (tel. 011 677666; This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it ).  Il catalogo è disponibile su www.librinlinea.it.

L’A.S.I., Automotoclub Storico Italiano, costituito nel 1966 e riconosciuto Ente morale di diritto privato per decreto del Presidente della Repubblica n.977 del 24 ottobre 1980, è una Federazione composta da 263 club federati e 38 club aderenti, che riunisce circa 202.000 appassionati di veicoli storici e rappresenta istituzionalmente il motorismo storico italiano presso tutti gli organismi nazionali ed internazionali competenti.Sono soci dell’Ente Federale le associazioni non commerciali e senza scopo di lucro, con fini analoghi a quelli dell’ASI, e i Registri di marca e modello.L’Ente, statutariamente, sostiene e tutela gli interessi generali della motorizzazione storica italiana, valorizzandone l’importanza culturale, storica e sociale.