ROSSELLI MOTOCICLETTA

(Italia 1902)

L’ingegnere Emanuele Rosselli, livornese trasferitosi a Torino, progettista e costruttore di motori per auto, di motociclette e di piccoli propulsori per biciclette, impiantò nel cortile di via Nizza 29 nel 1889 una piccola ma attrezzatissima officina.

Dopo i propulsori per biciclette (“Lilliput” da 1CV) e per le motociclette (da 1 a 5 CV) realizzò verso il 1900 un motore bicilindrico a V per autovetture, imbarcazioni e impianti fissi. Denominato Optimum il 2 cilindri fu prodotto in diverse versioni ed equipaggiò diverse vetturette costruite dallo stesso Rosselli.

Nel 1902 la Rosselli produce motociclette “da corsa e da passeggio”: quella da 1.5 CV, di cui esponiamo un esemplare, ha motore a 4 tempi monocilindrico, valvola di aspirazione automatica e di scarico laterale comandata, comando carburatore ed anticipo per mezzo di leve poste sul fianco del serbatoio.

L’anno dopo uscirà l’ultima novità: la motocicletta per signora, con reticella di protezione per impedire che la catena imbrattasse o strappasse la gonna della guidatrice. L’attività della piccola azienda fu sospesa nel 1904 quando Emanuele Rosselli, in precarie condizioni di salute, lasciò Torino per tornare a vivere a Livorno.

Motore: 1 cilindro
Cilindrata: 280 cc

Info Centro di Restauro / Garage