Automobile e design

PIANO TERRA

Ultimo piano di visita, interamente dedicato al design, ossia alla progettazione di un’auto, al percorso creativo che precede, e da cui dipende,  la realizzazione di un’automobile. La sezione è stata completamente riallestita con spettacolari scenografie finalizzate a promuovere una più ampia conoscenza del car design, della sua evoluzione storica, degli uomini che ne hanno determinato i cambiamenti e gli orientamenti presenti e futuri. Uno spazio che racconta la creatività all’opera, l’idea che diventa sostanza grazie all’applicazione e al lavoro di squadra.

Il design è nato nelle carrozzerie, nei centri stile della grandi case, ma protagonisti sono stati soprattutto i creativi: a loro è dedicato un suggestivo allestimento che rende omaggio ai personaggi e alle “matite” che hanno lasciato la loro impronta nel car design. È un nugolo di nomi – e di carriere – a formare una grande onda, che attraversa le epoche, le tendenze, la storia. L’Onda del car design è strutturata come una time-line che racconta, periodo per periodo, la storia della motorizzazione, dell’industria, della società e della cultura automobilistica: in ogni periodo si inseriscono i nomi dei più grandi car designers, con una breve biografia che ne racconta la carriera. Un percorso professionale che viene rappresentato anche graficamente da una linea. Talvolta la linea finisce insieme alla carriera, in altri casi da origine a una tradizione di famiglia. Ogni personaggio lascia una propria impronta e un proprio contributo alla formazione della grande onda del car design.

Il viaggio nella storia del car design si fa ancora più approfondito con una serie di quattro monitor: due di essi propongono alcuni filmati appositamente realizzati per raccontare le storie dei più grandi carrozzieri italiani, ma anche la storia dell’industria dell’auto, della società e di un mondo in continua evoluzione, che ha visto cambiare le tecniche, i mercati e i mestieri. All'approfondimento storico sono affiancati i monitor che raccontano il fututo: le scuole di car design di tutto il mondo, le testimonianze e le speranze dei giovani creativi, talenti emergenti, giovani realtà che si stanno facendo largo in un mondo globalizzato ed in continua trasformazione.

MORPHING

Un tratto comune. Il design identifica un’epoca perché è l’espressione della cultura di quell’epoca. Le linee di queste vetture sono volutamente diverse, ognuna peculiare al suo marchio e alla sua origine. Tutte però hanno in comune il carattere del loro tempo. Ecco il significato del “morphing” (termine inglese che riprende il greco morphé, forma) a cui sono sottoposte le linee di queste splendide vetture, icone di trent’anni di design: testimonianza di una continuità espressiva formale che si traduce nella sovrapponibilità delle forme, senza annullarne la diversità, l’originalità e l’unicità.



 


DESIGNERS

Come nasce oggi il lavoro del designer che, in pochi decenni, si è evoluto tecnologicamente in maniera straordinaria? Da quali forme trae ispirazione la capacità progettuale di cui Torino, il Piemonte e l’Italia sono ancora oggi scuola d’avanguardia? Da quali sollecitazioni? Incontriamo i grandi designers del nostro tempo, ascoltiamo le voci di Aldo Brovarone, Walter De Silva, Leonardo Fioravanti, Marcello Gandini, Fabrizio Giugiaro, Giorgetto Giugiaro, Flavio Manzoni, Paolo Pininfarina, Mike Robinson, Tom Tjaarda, Andrea Zagato, Chris Bangle, Lorenzo Ramaciotti e Roberto Giolito.

Nella sezione espositiva dedicata al DESIGN, ciascuno di loro racconta a suo modo la propria esperienza. Ciascuno di loro risponde a 10 domande su passato, presente e futuro della creatività: le stesse domande per tutti, 14 punti di vista differenti che ci permettono di mettere a confronto carriere, profili e percorsi.

Di seguito, la risposta che i designers hanno dato alla domanda: "A che domande dovrà rispondere il designer del futuro?"

v
INVENTED HERE di OFFICINA 83

Progetti, innovazioni, marchi, tendenze e stili diversi trovano espressione in uno spazio multimediale, una finestra sul mondo del car design, uno spazio aperto fra il Museo ed i Centri stile. Le aziende, le carrozzerie, i centri stile possono raccontare il loro processo creativo, la loro struttura, la loro filosofia. Attualmente, ad esporre il suo Invented here è Officina 83. Il Centro Stile Fiat che, con modelli, filmati, oggetti e spiegazioni, racconta la nascita di un’automobile, dall’ideazione al prototipo. L'allestimento è essenziale, immediato, tecnologico ed emozionale. Attraverso un breve viaggio virtuale al cui centro è il visitatore, che diventa il vero protagonista dell'esperienza raccontata dal designer, si entra in contatto sensoriale con i momenti cruciali del "fare design". La tecnologia e la luce sono i principali mezzi di comunicazione e i manufatti realizzati all'interno delle officine di stile rappresentano l'essenza del lavoro. Si accendono, cambiano la loro materia e diventano essi stessi parte del racconto. Il design è fatto di idee, concetti, segni, espressioni, emozioni e persone ed è proprio dai gesti di queste persone, dai suoni delle lavorazioni, dagli sguardi  attenti e dall’abilità manuale che il racconto prende vita e si anima. Lo spazio diventa il foglio, la luce la penna e la tecnologia il mezzo. La narrazione scorre veloce e si basa su una continua interazione tra visitatore, immagini e proiezioni dove l'effetto sorpresa aumenta il livello di interesse e curiosità: cambiano i punti di vista, i riferimenti, gli oggetti e tutto avviene al fine di vivere un'esperienza in tempo reale.

GRAN BALLO FINALE

Fu l’architetto e filosofo americano Buckminster Fuller (1895-1983) a creare, negli anni trenta del Novecento, la Comprehensive Anticipatory Design Science (Scienza Generale del Design Anticipatore), nel cui ambito rientra il progetto della rivoluzionaria Dimaxion, uno dei veicoli a motore più originali mai costruiti. E’ uno degli atti di nascita del design come lo concepiamo oggi: una scienza che si fa carico dei bisogni e delle esigenze della società e anticipa le soluzioni tecnologicamente possibili, spesso ribaltando gli stilemi fino ad allora seguiti. Da quel momento, da quando cioè nella progettazione automobilistica furono integrati per la prima volta elementi di aerodinamica (con la realizzazione di carrozzerie dai bordi arrotondati, superfici lisce e bassi profili orizzontali), il design non ha mai smesso di evolvere, cercando di adempiere alla sua missione: anticipare soluzioni. E’ ciò a cui rispondono i prototipi e i modelli qui esposti: ognuno di essi è una soluzione al bisogno di mobilità sicura, eco-compatibile, tecnologicamente avanzata, dei nostri tempi.